tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 consulenzaagricola.it

In attesa della riforma di Agea, l’Unione Europea annuncia tagli per 550 milioni

05/07/2018 | Circolare n. 215/2018

 

AGEA ha dimostrato lacune ed inefficienze che ora si ripercuoteranno sulle tasche degli agricoltori. L’ente italiano è stato accusato dall’Unione Europea di essere carente nei controlli e non conforme alla normativa comunitaria. Questi rilievi mossi nei confronti del principale ente erogatore del settore agricolo potrebbe causare alla nostra agricoltura una penalizzazione di 550 mln di euro.

Nonostante i ripetuti rilievi della UE, per anni l’agenzia italiana per l’erogazione dei contributi per l’agricoltura non è intervenuta, risultando, tuttora, carente rispetto agli obblighi previsti dalla normativa europea ed evidenziando una inadeguatezza sistemica nel corretto ed efficiente utilizzo delle risorse comunitarie.

Le contestazioni

Quattro sono le contestazioni mosse da Bruxelles che non hanno trovato una pronta risposta dell’apparato amministrativo italiano e che hanno fatto scattare la richiesta di tagli ai finanziamenti per complessivi 550 mln di euro:

  • Non conformità alla normativa europea degli atti relativi al regime di aiuti diretti per superficie nell’ambito del Fondo Europeo Agricolo di Garanzia (Feaga) per gli anni 2015 e 2016;
  • Carenze di controlli. In particolare “carenze sistematiche nella valutazione della superficie massima ammissibile” e ancora, “mancato rispetto del livello minimo di controlli in loco”. Infine, la mancata ricezione di informazioni sulla superficie dichiarata quale prato permanente per gli anni 2016 e 2017 e l’impossibilità di adeguati controlli circa i pagamenti per il greening.
  • Mancato rispetto dei termini di pagamento, del superamento dei massimali e del superamento dei prelievi;
  • Carenti controlli per la figura dell’agricoltore attivo, unico beneficiario abilitato all’incasso dei finanziamenti europei.

La riforma di Agea

Agea, l’organismo pagatore nazionale, si è dimostrata inadeguata ed è in corso una sua riforma che punta soprattutto a separare le funzioni di coordinamento da quelle di organismo pagatore, oltre a una ristrutturazione del sistema dei controlli svolti da Agecontrol.

La riforma prevede che Agea assorba al proprio interno la struttura e le funzioni di Agecontrol.

L’obiettivo è quello di migliorare la qualità dei servizi erogati alle imprese agricole, razionalizzare e contenere la spesa. Inoltre, dovrà essere migliorato il sistema di controlli rivedendo anche il coordinamento con gli organismi pagatori regionali.

È prevista anche una revisione anche del Sistema Informativo  Agricolo Nazionale (SIAN), che gestisce la banca dati dei beneficiari dei contributi comunitari (PAC), che preveda una integrazione tra la struttura centrale e quelle periferiche regionali.

È auspicabile che la riforma di Agea, l’organismo pagatore italiano che gestisce i quasi 4 miliardi annui di aiuti comunitari, possa portare ad un rapido superamento delle criticità segnalate dalla UE.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Tags (argomenti): , ,

SEGUICI:

logo bottom 03