Mai trascurare le schede di rischio dei prodotti fitosanitari

10/11/2017 | Circolare n. 348/2017

 

Nel mondo dell’agricoltura, l’utilizzo dei prodotti fitosanitari è diffuso ed importante per favorire lo sviluppo delle coltivazioni e garantire un prodotto sano e di qualità da poter immettere sul mercato.

Quando vengono venduti, i prodotti fitosanitari devono essere sempre accompagnati dalle schede dati (in formato cartaceo o elettronico) contenenti le necessarie informazioni per l’utilizzo in sicurezza di tali prodotti chimici.

In tali schede vengono riportate tutte le fasi di rischio che possono presentarsi nell’utilizzo dei fitosanitari, indicando anche quali siano le precauzioni obbligatorie che devono essere prese per evitare incidenti. Altri elementi che devono essere indicati sono la fitotossicità dei prodotti e la compatibilità degli stessi con altri trattamenti.

Tali informazioni possono rivelarsi decisive nella scelta di un prodotto fitosanitario anziché un altro, ma soprattutto preziose al fine di evitare problemi alla salute di lavoratori e consumatori finali dei prodotti.

Talvolta accade però che le schede di rischio non siano (scorrettamente) consegnate all’acquirente contestualmente alla vendita, oppure che l’utilizzatore voglia prenderne visione in un momento precedente agli acquisti.

È fondamentale precisare, inoltre, che gli agricoltori che utilizzano prodotti fitosanitari hanno l’obbligo di dotarsi della scheda di sicurezza aggiornata e di conservarla in azienda. Pertanto, laddove le schede non fossero fornite o fossero andate perse, è necessario che l’agricoltore se ne munisca in qualche modo.

Le schede contenenti i dati relativi alla sicurezza dei prodotti fitosanitari possono essere reperite reperite utilizzando diversi strumenti: uno di questi è il sito del Ministero della salute, all’indirizzo: http://www.fitosanitari.salute.gov.it/fitosanitariwsWeb_new/FitosanitariServlet.

Su tale banca dati è possibile ricercare i diversi prodotti, utilizzando diversi filtri di ricerca tra cui il nome del prodotto, il nome della sostanza attiva contenuta nel prodotto, la categoria fitoiatrica e lo stato amministrativo del prodotto.

Un’altra piattaforma utilizzabile per ricercare le schede di sicurezza dei prodotti fitosanitari è quella inserita sul sito del SIAN, all’indirizzo http://www.sian.it/fitovis/. Tale banca dati contiene numerose informazioni, ma è attualmente in fase di revisione ed utilizza strumenti informatici piuttosto obsoleti che ne rendono difficile l’utilizzo.

Infine, giova sottolineare che le schede dati devono essere sempre messe a disposizione, anche sul web, dalle aziende produttrici dei singoli prodotti fitosanitari.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

SEGUICI: