tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Banca Dati - Domande e Risposte

Domande e risposte

 

Sono un produttore di vino IAP e presso il mio spaccio aziendale vorrei vendere prodotti agricoli di colleghi. La prevalenza della vendita sarà sempre dei prodotti aziendali e comunque non supererò i 160.000 euro per quelli acquistati. Basta la mia autorizzazione? Devo chiedere altre autorizzazioni? Fiscalmente come mi devo comportare?

 

Una ditta ha ricevuto una ricevuta di compenso di lavoro occasionale di euro 180,00, ritenuta acconto euro 30,00 e totale da pagare euro 150,00.

Hanno sbagliato l'applicazione della ritenuta di acconto che avrebbe dovuta essere di euro 36,00.

Come ci dobbiamo comportare ora per la compilazione della CU in quanto il totale pagato è stato di euro 150,00 e l'importo della ritenuta versata è di euro 30,00?

Cosa dobbiamo certificare? È corretto se certifichiamo euro 30,00 come indicato nella fattura?

 

La nostra azienda alleva suini e bovini nella provincia di Bologna. Parlando con alcuni colleghi mi hanno segnalato la necessità di disporre dell'A.I.A. Sapete dirmi di cosa si tratta e se è effettivamente obbligatoria?

 

Devo recuperare un credito nei confronti di un agricoltore. Il debitore non ha nulla di intestato, ma conduce in affitto dei fondi.

Potrei pignorare i titoli PAC e i relativi contributi? Come potrei fare?

 

Volevo avere una conferma sull'ultimo anno di utilizzo dei titoli ordinari attuali. Più precisamente: i titoli saranno utilizzabili anche nel 2020 oppure l'ultimo anno di utilizzo sarà il 2019?

 

La nostra società semplice dispone di fondi per la coltivazione di cereali ed altri seminativi. Inoltre, alleviamo oltre un migliaio di suini all’ingrasso. A seguito di una verifica ci è stata richiesta copia dei registri di carico-scarico dell’allevamento in quanto il registro sanitario non è stato ritenuto sufficiente. Sapreste dirmi di cosa si tratta?

 

La Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208), ai commi da 98 a 108 dell’art. 1. così come modificata dalla legge n. 18 del 27/02/2017, ha previsto fino al 31 dicembre 2019 un credito di imposta per gli investimenti realizzati in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, nonché in Molise, Sardegna e Abruzzo). A tal proposito vi chiediamo:

• tutte le aziende agricole possono beneficiarvi?

• vi sono particolari requisiti che questi devono possedere?

• vi sono particolari eventuali limitazioni?

• tra i beni agevolabili sono previste le macchine agricole (trattrici cingolatee gommate) e attrezzature varie (aratri, atomizzatori, etc..)

 

Avendo inoltrato nel 2017 domanda per sgravi fiscali, ma non essendo l'intestario amministratore della società, l'INPS ha respinto la pratica. Nel 2018 è stato variato l'atto costitutivo e l'intestatario della domanda suddetta è stato nominato amministratore. La persona in questione può usufruire delle agevolazioni fiscali previste nel 2017?

 

In base a quanto previsto dal Regolamento Omnibus, il periodo dei terreni lasciati a riposo deve essere almeno di 6 mesi dall' 1/1 al 30/6. I sei mesi devono essere per forza all'interno di questo periodo o possono partire, ad esempio, dall' 1/2 e terminare il 30/7? Può capitare che la conduzione dei terreni in affitto da lasciare a riposo inizi dopo l' 1/1, ma che venga ugualmente rispettato il periodo di almeno sei mesi di durata.

Le colture azoto-fissatrici utilizzate come EFA devono essere in campo nel periodo previsto dall'Omnibus o in questo caso vale il periodo del ciclo vegetativo esempio cece seminato nel mese di febbraio e raccolto ad agosto?

 

Un giovane imprenditore con meno di 40 anni e iscritto dal 2017, conduttore di un'azienda agricola (sita in zona svantaggiata) con un capitale bestiame pari a 120 pecore adulte, 3 arieti adulti e 10 agnelle, e un capitale terreni pari a circa 20 ha di seminativi e circa 15 ha di pascolo, attualmente lavora come autista stagionale in un caseificio.

L'INPS ha negato l'iscrizione di tale soggetto come imprenditore agricolo, in quanto sostiene che l'imprenditore ha già un lavoro. È giusto? Egli può iscriversi come Coltivatore Diretto e non Imprenditore Agricolo e usufruire dello sgravio dei contributi in quanto giovane agricoltore?

SEGUICI: