tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Banca Dati - Domande e Risposte

Domande e risposte

 

In merito all'obbligo di pagare gli stipendi con strumenti bancari tracciabili, chiedo se, in caso di pagamento in contanti in data 30/06/2018 degli stipendi di giugno, si possa ovviare alla normativa in vigore dal 01/07/2018?

Inoltre, chiedo cosa si intende per pagamento in contanti presso la banca del datore di lavoro?

 

Titolare di azienda agricola che produce uva, ha una seconda attività di produzione di energia elettrica con impianto fotovoltaico solare di potenza inferiore ai 20 kw. Riceve certificazione da parte del GSE delle ritenute operate al 4% sui contributi tariffe incentivanti. L'azienda ha i requisiti previsti dalla circolare 32/E del 06/07/2009 e determina il reddito ai sensi dell'art. 32 del TUIR.

Può recuperare tali ritenute non dovute nel modello redditi e in quale quadro? E' corretto invece richiedere rimborso all'Agenzia delle Entrate?

 

Ad una società semplice agricola che esercita l'attività di florovivaismo e attività connessa di servizi di giardinaggio viene chiesto di realizzare un impianto di irrigazione del giardino di pertinenza del fabbricato abitativo del committente. La società normalmente realizza le opere di sistemazione del terreno, piantumazione, manutenzione del verde. La realizzazione dell'impianto di irrigazione (tubazioni da inserire nel terreno ed allaccio all'impianto) è soggetta al rilascio della dichiarazione di conformità dell'impianto? Preciso che la società semplice non ha requisiti di cui al D.M. 37/2008.

 

La mancata compilazione del rigo VO 26 "tenuta dei registri IVA senza separata indicazione degli incassi e dei pagamenti per le imprese minori", nel modulo dell'attività agrituristica della dichiarazione IVA di una azienda agricola è sanzionatorio o il comportamento concludente del contribuente evita l'applicazione di eventuali sanzioni?

 

Ai fini della corretta tenuta del fascicolo aziendale avrei bisogno di un chiarimento relativo alla validità dei contratti di affitto di fondo rustico e all’obbligo della loro registrazione. Infatti non mi è chiaro se nella denuncia cumulativa da registrare entro febbraio vadano inseriti tutti i contratti in corso di validità l’anno precedente oppure solo quelli che sono stati stipulati o si sono automaticamente rinnovati. La norma sembra optare per la prima “contratti in essere” mentre l’interpretazione dell’Ufficio del Registro della mia zona e la vostra risposta ad un quesito del 21 febbraio 2017 sembrerebbe propendere per la seconda “registrare in maniera cumulativa più contratti d’affitto stipulati nel 2016”.

La questione è di importanza esiziale in quanto la mancata corretta registrazione dei contratti di affitto credo li renda inidonei ad essere inseriti nel fascicolo aziendale ai fini del recepimento dei contributi comunitari.

 

Un giovane imprenditore agricolo risulta vincitore di un bando ISMEA per la "riassegnazione" di terreni con acquisto degli stessi con riservato dominio e stipula di un mutuo trentennale. Successivamente, decorso il termine di anni cinque dall'acquisto, il giovane agricoltore ha possibilità di far subentrare al suo posto un nuovo altro giovane imprenditore ferme restando tutte le condizioni del contratto e di bando? Si precisa che si tratta di un subentro in toto senza frazionamento dei terreni.

 

Ho un azienda vitivinicola e volevo sapere: posso ancora utilizzare il modello MVV cartaceo per il trasporto di vino con la vidimazione fatta dal mio Comune? E se sì, fino a quando posso utilizzarlo, viste le nuove disposizioni in merito all’emissione del documento MVV elettronico?

 

Ad una società semplice agricola che esercita l'attività di florovivaismo e attività connessa di servizi di giardinaggio viene chiesto di realizzare un impianto di irrigazione del giardino di pertinenza del fabbricato abitativo del committente.

La società normalmente realizza le opere di sistemazione del terreno, piantumazione, manutenzione del verde. La realizzazione dell'impianto di irrigazione (tubazioni da inserire nel terreno ed allacciamento all'impianto) è soggetta al rilascio della dichiarazione di conformità dell'impianto? Preciso che la società semplice non ha requisiti di cui al D.M. 37/2008.

 

Siamo produttori di vino e vogliamo ricavare da un vecchio fienile ambienti per: acetaia, laboratorio di panificazione, servizi igienici, ufficio e area vendita facendo solo suddivisioni interne.

Qualcuno mi ha detto che un recente decreto del ministro Martina prevede la possibilità di fare lavori su fabbricati rurali senza dover richiedere il cambio di destinazione d'uso se la funzione del fabbricato rimane inerente alla attività rurale. Io però non ho trovato nessun riferimento al riguardo.

La cosa corrisponde a verità? E, nel caso, quale è la fonte normativa?

 

Devo emettere un'autofattura (la prima autofattura del 2018) per l'acquisto di un bovino da un agricoltore in regime di esonero e la mia azienda è in regime IVA ordinario.

Ho alcuni dubbi:
- l'autofattura segue una numerazione distinta o devo seguire la numerazione delle fatture emesse?
- l'aliquota IVA da applicare è quella di compensazione (7,65%) o devo applicare l'aliquota IVA del regime ordinario (10%)?
- l'autofattura deve essere registrata nel solo registro degli acquisti o anche nel registro delle fatture emesse?
- le autofatture devono essere registrate in un sezionale a parte dei registri IVA?

SEGUICI: