tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Circ. n. 334/2015 - L'agricoltore attivo. Quando?

Archivio

L'agricoltore attivo. Quando?

19/11/2015 | Circolare n. 334/2015

In questi ultimi mesi si è molto dibattuto sul requisito dell’”AGRICOLTORE ATTIVO” che devono possedere le aziende agricole che presentano domande a contributo.
Per chiarire meglio questo aspetto molto importante della nuovo politica agricola abbiamo ritenuto di ribadire i concetti principali. 

Gli aiuti comunitari 2015-2020 sono assegnati ai soggetti che ricoprono la qualifica di “agricoltore attivo”. Questo requisito ha lo scopo di selezionare i beneficiari dei pagamenti diretti, escludendo gli agricoltori “non attivi”. 

Il 20 marzo 2015, Agea ha emanato una Circolare la n.140 che spiega i requisiti, le procedure e la documentazione necessaria per provare la qualifica di “agricoltore attivo”.
Il requisito di “agricoltore attivo” costituisce una requisito necessario per l’ottenimento dei contributi dell’Unione europea. Questo requisito si applica sia ai regimi di sostegno dei pagamenti diretti sia nelle misure previste dallo sviluppo rurale come assicurazioni agevolate, l’agricoltura biologica e le indennità compensative per le zone svantaggiate.
 
“Agricoltore attivo” è il soggetto che possiede almeno uno dei seguenti tre requisiti:

  • Agricoltore sotto un certa soglia: Gli agricoltori sono attivi se nell’anno precedente hanno percepito pagamenti diretti di ammontare inferiore a €5.000 per le aziende prevalentemente ubicate in montagna e/o zone svantaggiate; €1.250 nelle altre zone.
  • Iscrizione all’Inps: L’iscrizione all’Inps deve riguardare il richiedente dei pagamenti diretti  e deve risultare iscritto nella gestione CD/IAP, colono o mezzadro.
  • Titolari di partita Iva: La partita Iva deve essere attivata in campo agricolo prima del 1° agosto 2014 e, a partire dal 2016, l’agricoltore deve presentare anche la dichiarazione annuale Iva. Per le aziende con superfici prevalentemente ubicate in montagna e/o zone svantaggiate non è necessaria la dichiarazione annuale Iva. Le aziende, in cui è sufficiente il possesso della partita Iva in campo agricolo (senza dichiarazione dell’Iva nel 2016), sono quelle con superfici agricole ubicate, in misura maggiore al 50%, in zone montane e/o svantaggiate ai sensi del Reg. 1257/1999.

Una persona fisica o giuridica che rientra nella lista nera o che non possiede i requisiti di agricoltore attivo è tuttavia considerata “agricoltore attivo” se fornisce prove verificabili che dimostrino una delle seguenti situazioni:

  • l’importo annuo dei pagamenti diretti è almeno pari al 5% dei proventi totali ottenuti da attività non agricole nell’anno fiscale più recente per cui tali prove siano disponibili;

Ai fini della verifica dell’importo annuo dei pagamenti diretti pari ad almeno il 5% dei proventi totali ottenuti da attività non agricole si precisa quanto segue. L’importo dei pagamenti diretti corrisponde all’importo totale dei pagamenti diretti a cui l’agricoltore aveva diritto a norma del Reg. 73/2009 per il 2014, senza tener conto delle riduzioni ed esclusioni ai fini della condizionalità o dei recuperi. Dal 2016, si considera l’importo dei pagamenti diretti ai sensi del Reg. 1307/2013. Se un agricoltore non ha presentato domanda di aiuto per i pagamenti diretti nel 2014, l’importo è calcolato con la media nazionale dei pagamenti diretti. La verifica dei proventi derivanti dallo svolgimento di attività non agricole è eseguita sulla base dei dati reddituali dichiarati dagli agricoltori e coerenti con quelli dichiarati ai fini fiscali. In altre parole, Agea prenderà in considerazione la denuncia dei redditi del richiedente.

Le attività agricole non sono considerate insignificanti qualora ricorra una delle seguenti ipotesi:

  • la sua attività principale o il suo oggetto sociale è l’esercizio di un’attività agricola.
  • i proventi totali ottenuti da attività agricole nel 2014 rappresentano almeno un terzo dei proventi totali ottenuti nel 2014;
  • l’importo annuo dei pagamenti diretti è almeno pari al 5% dei proventi totali ottenuti da attività non agricole nel 2014;
  • se l’attività principale o l’oggetto sociale di una persona giuridica è registrata come attività agricola nell’oggetto sociale nel registro delle imprese o, nel caso di una persona fisica, esista una prova equivalente.

L’attività principale o l’oggetto sociale è registrata come attività agricola nell’oggetto sociale del registro delle imprese se, nel caso di persona giuridica, “la ragione sociale o la denominazione sociale delle società contiene l’indicazione di società agricola”. Il requisito è sempre rispettato sia per le persone fisiche sia per le persone giuridiche in caso di iscrizione all’Inps come coltivatori diretti, imprenditori agricoli professionali, coloni o mezzadri, o di possesso della partita Iva attiva in campo agricolo ATECO agricoltura 01 o di iscrizione in pubblici registri dai quali si evinca che l’attività agricola è l’attività principale.

Si evidenzia che la qualifica di “agricoltore attivo” deve essere posseduta al momento della presentazione della domanda e mantenuta per tutto il periodo di programmazione nel caso di impegni pluriennali.  La mancanza della qualifica di “agricoltore attivo” comporta il decadimento del contributo.  Per momento di presentazione della domanda si intende quello in cui l’agricoltore esegue tale adempimento.
Nel caso di affitto o cessione “agricoltore attivo” deve esserlo obbligatoriamente colui che continua l’impegno o riceve in gestione i nuovi titoli PAC. 
Si ricorda infine che chi ha aderito o meglio è rimasto iscritto al regime dei “piccoli agricoltori” è  considerato automaticamente “agricoltore attivo”.  

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

SEGUICI:

logo bottom 03