tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Circ. n. 289/2015 - Regime dei piccoli agricoltori

Archivio

Regime dei piccoli agricoltori

12/10/2015 | Circolare n. 289/2015

La riforma PAC 2014-2020 ha istituito un nuovo regime semplificato e specifico per i piccoli agricoltori.

Tale regime ha duplice finalità, da un lato, snellire le procedure e ridurre gli obblighi cui sono sottoposti coloro i quali aderiscono a questo specifico sostegno perseguendo comunque gli obiettivi della riforma, e dall’altro, contenere i costi amministrativi connessi alla gestione e ai controlli del sostegno diretto per la Pubblica Amministrazione.

Va specificato che l’adesione a questo regime semplificato esonera gli agricoltori dalle pratiche agricole per il clima e l’ambiente ma non li esonera dai controlli amministrativi e oggettivi previsti per ciascun regime specifico.

Per poter partecipare sarà necessario aver presentato Domanda Unica 2015 e aver ottenuto l’attribuzione di titoli.

Si potrà aderire a questo regime semplificato esclusivamente entro il 15 ottobre 2015, così come previsto dal comma 1 art. 62 del Reg. UE 1307/2013.

Inoltre, come disposto dall’art. 62 del Reg. (UE) n. 1307/2013, la partecipazione al regime può avvenire mediante presentazione di una domanda da parte dell’agricoltore (adesione volontaria) o mediante adesione d’ufficio da parte dello Stato Membro (adesione automatica).

Per consentire il massimo impatto del regime in termini di semplificazione verranno automaticamente inclusi nel regime semplificato tutti coloro i quali avranno un importo provvisorio stimato della propria DU 2015 inferiore a 1.250 euro.

Si ribadisce che questo valore è puramente indicativo, suscettibile di aggiustamenti riguardati il calcolo definitivo dei titoli assegnati effettuato dal Registro Nazionale Titoli, nonché riduzioni concernenti i valori unitari applicabili ai premi accoppiati, dopo la ripartizione dei rispettivi plafond.

Agea provvede ad iscrivere automaticamente al Regime dei Piccoli Agricoltori i beneficiari la cui DU 2015 ha un importo richiesto stimato inferiore a 1.250 euro. L’informazione circa l’iscrizione automatica al regime è visibile nel SIAN all’interno del Registro Nazionale Titoli

L’ agricoltore avente interesse ad accedere al regime può presentare, direttamente o per il tramite del CAA cui ha conferito mandato, domanda di adesione.

Gli agricoltori che decidono di ritirarsi dal Regime dei Piccoli devono effettuare apposita comunicazione al proprio ente pagatore entro il 15 ottobre 2015.

Le richieste di uscita dal regime oltre questa data avranno effetto a partire dalla campagna 2016.

Gli agricoltori che decidono di uscire dal regime dei piccoli agricoltori devono effettuare una comunicazione entro il 15 ottobre 2015.

Le richieste di uscita dal regime dei piccoli agricoltori, presentate dopo il 15 ottobre 2015, avranno effetto a partire dal 2016.

In altre parole, se l’agricoltore tramite il CAA non presenta la domanda di uscita dal regime dei piccoli agricoltori, per il 2015, l’agricoltore è automaticamente nel regime.

Questa situazione non è un problema, infatti, nel 2015, l’adesione al regime dei piccoli agricoltori non toglie nulla all’agricoltore. Se nel 2016, l’agricoltore non ha convenienza a rimanere nel regime, può cancellarsi da qui al 15 maggio 2016.

In questo periodo, fino al 15 ottobre 2015, gli agricoltori avvalendosi dei CAA devono:

a)     presentazione di domanda di ritiro dal regime dei piccoli agricoltori, per quelli iscritti automaticamente da Agea, che non intendono aderire al regime dei piccoli agricoltori;

b)    presentazione di domanda di accesso al regime dei piccoli agricoltori, per quelli non iscritti automaticamente da Agea (perché superano il 1.250 euro), ma che intendono aderire ugualmente al regime dei piccoli agricoltori per non tenere la contabilità Iva e non rientrano nelle deroghe dell’agricoltore attivo

Il compito più importante del CAA – fino al 15 ottobre 2015 – è il secondo punto ovvero la presentazione di domanda di accesso al regime dei piccoli agricoltori, per quelli non iscritti automaticamente da Agea.

 

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

SEGUICI: