tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Circ. n. 150/2015 - Cosa fare per avere il riconoscimento di  una O.P. Ortofrutt

Archivio

Cosa fare per avere il riconoscimento di una O.P. Ortofrutticola

13/05/2015 | Circolare n. 150/2015

Per poter avere il riconoscimento di O.P. ortofrutticola, è necessario seguire una procedura specifica che comporta la presentazione di vari documenti, che di seguito riportiamo.

Si presenta la domanda presso la Regione, Assessorato Agricoltura, ove ha sede la Società che chiede il riconoscimento.

La Regione riconosce, su specifica richiesta, le Organizzazioni di produttori ortofrutticoli freschi e/o destinati esclusivamente alla trasformazione, di cui all’art. 1, paragrafo 2, lettera i) del Regolamento (UE) n. 1308/2013.

La Regione riconosce inoltre le Associazioni di organizzazioni di produttori (AOP) , ai sensi dell’art. 156 del Reg. (UE) 1308/2008, per i medesimi prodotti o gruppi di prodotti oggetto del riconoscimento delle Organizzazioni socie.

La domanda di riconoscimento è presentata in forma libera e deve contenere gli elementi essenziali indicati nel punto 2 dell’allegato al Decreto MIPAAF n. 9084 del 28 agosto 2014.

Alla domanda vanno allegati i documenti seguenti:

  • atto costitutivo e statuto conformi al Reg. (UE) n. 1308/2013;
  • composizione degli Organi sociali in carica e delibera di conferimento incarico al legale rappresentante di presentare l’istanza di riconoscimento con l’indicazione dei prodotti per i quali si chiede il riconoscimento;
  • elenco produttori aderenti direttamente o tramite altro organismo associativo, presenti alla data di presentazione dell’istanza di riconoscimento;
  • relazione sulla propria organizzazione tecnico - amministrativa – commerciale e sulle strutture tecniche dell’Op;
  • prospetto del valore della produzione commercializzabile relativa al periodo di riferimento scelto;
  • scelta del periodo contabile per il calcolo della VPC;
  • eventuali bilanci di esercizio, relativi al periodo di riferimento, se non depositato presso la camera di commercio competente;
  • titolo di possesso o disponibilità tramite propri associati e/o filiali, delle strutture, delle attrezzature, dei mezzi tecnici necessari per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Reg. (UE) n. 1308/2013;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio del legale rappresentante, che le singole aziende associate hanno i fascicoli aziendali regolarmente costituiti e aggiornati.

Si ricorda che a seconda della tipologia prescelta cambiano i parametri minimi di riconoscimento per quanto riguarda il Valore della Produzione commercializzata (VPC) dall’ OP.

Si citano ad esempio i parametri più frequenti:

a) in caso di richiesta di riconoscimento per più prodotti appartenenti al codice NC 07 (ortaggi) si applica il parametro derivante dalla somma dei singoli parametri o il parametro complessivo di Euro 3.000.000,00 in caso di superamento di tale importo;

b) in caso di richiesta di riconoscimento per più prodotti appartenenti al codice NC 08 (frutta) si applica il parametro derivante dalla somma dei singoli parametri o il parametro complessivo di Euro 3.000.000,00 in caso di superamento di tale importo;

c) in caso di richiesta di riconoscimento per due o più prodotti appartenenti a due o più categorie NC, si applica il parametro derivante dalla somma dei singoli parametri o il parametro complessivo di Euro 4.000.000,00 in caso di superamento di tale importo.

 

Matteo Selleri, consulente settore agroalimentare ed agroindustriale

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

Professionisti di riferimento

Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

SEGUICI:

logo bottom 03